8 Gen · nuovosole · No Comments

La Rubrica della Direttrice

Benessere emotivo

Noi adulti spesso ci sorprendiamo quando grandi illustri quali Tracy Hogg, Melinda Blau, puericultrice e giornalista specializzata nei temi della famiglia, parlano di tappe emotive intese con quell’insieme di capacità che sostengono e permettono di gestire i cambiamenti d’umore e mostrare empatia verso gli altri.

Il Benessere emotivo deve essere insegnato e, nostro compito genitoriale, è insegnare ai nostri bimbi ad essere emotivamente competenti.

Parlando della sua intelligenza emotiva, l’illustre Daniel Goleman individua e descrive diversi tipi di intelligenza, non solo quella che crea bambini geni. Lo sviluppo emotivo si riscontra nel bambino già alla nascita con il suo primo pianto.

Appena il piccolo entra a far parte entra a far parte di questo mondo lavora già con il suo cervello emotivo, le emozioni sono spontanee e incontrollabili. Nel giro di poco il piccolino inizia a sorridere e imitare dandoci segnali che si allineano alla nostra linea emotiva, al nostro stile. Quando vuole esprimere stanchezza e disagio piange, userà invece il suo gorgoglio per esprimere felicità. Si allineerà al nostro sguardo compiendo semplici ma imponenti associazioni [cit.Tracy Hogg] se piango mi prendono in braccio.

Sa che ccon le espressioni facciali può farci reagire soddisfacendo le sue richieste.

Per i nostri bimbi il pianto è l’unico modo, l’unica modalità che hanno a disposizione per esprimersi.

Illustri esperti della pedagogia hanno sempre sostenuto quanto sia basilare la nostra risposta, quanto importante sia che noi genitori siamo in grado di rispondere a i vari tipi di pianto; solo così offriamo al bimbo di “Comunicare senza pianto” intorno alle 12-16 settimane.

Newsletter

Dove Trovarci

Contatti

Cooperativa Nuovo Sole Onlus
Viale Europa Unita 10,
33074, Fontanafredda (Pn)
Telefono: +39 0434 997512
Fax: +39 0434 997512
nuovosole@nuovosolecooperativa.org
maternabilingue@nuovosolecooperativa.org